Spazio comune cop
15,00 €
- 5%
14,25 €
6,99 €
Spazio comune
Città come commoning

Lo spazio è tanto un prerequisito quanto un prodotto delle relazioni sociali, e in esso si gioca la possibilità di stimolare o impedire l’incontro con l’altro.

Viviamo in un’epoca di recinzioni, in cui l’uso delle aree comuni è sempre più scoraggiato e limitato. Ma lo spazio pubblico è tutt’altro che morto. In questo libro che è ormai un piccolo classico contemporaneo, pubblicato in diverse nazioni con notevole successo, l’architetto greco Stavros Stavrides ci invita a rivisitare e reinventare la distinzione tra pubblico e privato, per dare forma a nuove relazioni sociali e rendere possibili esperienze condivise in nuovi spazi che si aprano a una dinamica di commoning, studiando variegate pratiche che includono le occupazioni abitative, l’autocostruzione, l’intervento artistico e festivo, e seguendo le tracce di attori quali rifugiati, venditori ambulanti, writer e artisti di strada...
Spazio comune ci invita a guardare alla città come vero e proprio commons, rivelandone l’intrinseca politicità e il potenziale di emancipazione nascosto. Lo spazio, ci dice Stavrides, è tanto un prerequisito quanto un prodotto delle relazioni sociali, e in esso si gioca la possibilità tanto di stimolare o quanto di impedire l’incontro con l’altro. Per questo la trasformazione spaziale è una tappa fondamentale per la formazione di soggetti politicizzati in grado di costruire un potenziale di emancipazione nella vita metropolitana contemporanea.

Collana Terrae

pp. 224 • 2022
ISBN
978-88-31268-69-1
Ordinabile tramite sito, in libreria dal 12 maggio 2022

Iniziative

Venerdì 27 maggio 2022 @ Torchiera • Milano

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su qualsiasi link in questa pagina, dai il tuo consenso al loro utilizzo.

Non usiamo analitici... Clicca per più informazioni