Rave in Italy
Gli anni novanta raccontati dai protagonisti

La fine del mondo verrà prima della fine del capitalismo.

Se i punk gridavano “no future”, i raver sono andati oltre il futuro. Non è più il tempo delle provocazioni nichiliste nel tentativo di combattere da un’altra angolazione il capitalismo, per i raver la catastrofe è già avvenuta. Inutile lottare per cambiare la società, molto meglio trovare delle zone temporaneamente autonome dove sperimentare una vita libera dopo l’apocalisse.
Sovrastimolati da sostanze psichedeliche e da interminabili danze sciamaniche, i raver hanno anticipato di due decenni ciò che è diventata l’attuale realtà: la morte della politica e la fine del mondo come lo conoscevamo prima.
Rave in Italy è una raccolta di interviste e contributi che ricostruiscono gli albori e lo sviluppo della scena in Italia a partire dai primi anni novanta, focalizzandosi sulle tribù autoctone di Torino, Roma, Milano e Bologna.
Raccontano la loro storia e quella del movimento non solo musicisti e dj, ma anche donne e uomini che ne hanno fatto parte a vario titolo: elettricisti, grafici, baristi, allestitori, performer, squatter, produttori, pusher, “buttadentro”, traveller e frequentatori assidui.

240 pp. • illustrato • 2018
ISBN
978-88-98922-49-9
Ordinabile tramite sito, in libreria il 15 novembre 2018

Iniziative

Venerdì 16 aprile 2021 @ diretta Facebook
Venerdì 4 dicembre 2020 @ PuntoRadio
Venerdì 16 ottobre 2020 @ CSOA Forte Prenestino • Roma
Sabato 10 ottobre 2020 @ Arci Bellezza • Milano

Vedi anche

Il Tirreno, la Repubblica, Rollingstone.it, Rumore, Classic Rock
Una storia hippie punk e rave
Zero, Vice, il manifesto
I battitori liberi dello spaccio si raccontano

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su qualsiasi link in questa pagina, dai il tuo consenso al loro utilizzo.

Non usiamo analitici... Clicca per più informazioni